13.8 C
Tokyo

Dio odia il Giappone – Douglas Coupland

In questi giorni, ha attirato la nostra curiosità, l'esilarante titolo reso dal Corriere della Sera: “vecchietto fugge dalla casa di riposo per vedere i...

Il cammino del Giappone – Recensione

Penso che il miglior momento per raccontare un libro sia subito dopo averlo letto. Qui vicino a me ho "il cammino del Giappone -...

Silenzio di Shusaku Endo

Shusaku Endo, in giovanissima età, per assecondare il volere della madre, si converte al Cattolicesimo e ne diventa – nel corso dei suoi studi...

Né di Eva né di Adamo di Amelie Nothomb

Siamo arrivati a Né di Eva né di Adamo di Amelie Nothomb attraverso il delicato adattamento cinematografico Tokyo Fiancée tradotto in italiano nell'inspiegabile “Il fascino...

69 Sixty-nine di Ryu Murakami

69 Sixty-nine di Ryu Murakami è il racconto di una generazione. Il protagonista si chiama Ken, un ragazzo di 17 anni. Il luogo è...

Hiroshima – Nel paese dei fiori di ciliegio

Dall'autrice Fumiyo Kono di “In questo angolo di mondo”, la graphic novel manga pluripremiato in tutto il mondo da cui è stato anche tratto...

Le quattro casalinghe di Tokyo – Natsuo Kirino

un bel giallo gipponese da leggere questa estate
libro giapponese Okamoto Kanoko Frotte di pesci rossi

Frotte di pesci rossi di Okamoto Kanoko

La Okamoto ha sfidato con la sua stilografica, l'imperante nazionalismo del primo novecento, impregnato di una comunicazione machista e aggressiva, preludio alle guerre mondiali,...
kaijin ombra di cenere libro linda lercari recensione

Kaijin. L’ombra di cenere – recensione

Kaijin - l'ombra di cenere è un romanzo ambientato in Giappone durante il periodo Kamakura (1185-1392). La storia narrata è quella del rapporto tra il...

Yasuko Ishikawa e l’ “Abruzzo Misterioso”

Italia e Giappone hanno festeggiato l’anno scorso i 150 anni di relazioni. Da sempre i due paesi condividono ottimi rapporti, sia dal punto di...

Recensione di “I love Tokyo” la Pina

Come l'autrice questo libro è molto pop: le illustrazioni e i dettagli kawaii mi ricordano le opere di Murakami. L'accompagnamento musicale lo rende ancora di più un pezzo di pop art più che una semplice guida.