Eccoci a parlare di Ramen (ラーメン) i tagliolini in brodo più famosi del Giappone. Protagonisti di film, libri, documentari, mostre fotografiche, corsi di cucina, programmi televisivi e perfino un museo. Basti dire che una veloce ricerca su Instagram dell’hastag #ラーメン produce come risultato 7 milioni e 700mila foto di ciotole fumanti.

Ramen

Ma cosa sono i ramen, e cosa li rende così speciali? La ricetta base è molto semplice, si tratta di tagliolini di frumento serviti in un brodo di carne o pesce insaporito con salsa di soia o miso con l’aggiunta di fettine di carne, cipollotti, germogli di soia, e alghe. Il segreto del successo dei ramen quindi? Il segreto è che questo semplice piatto di origine cinese si presta a innumerevoli variazioni nella sua preparazione, praticamente ogni singolo componente del piatto può essere personalizzato aggiungendo ingredienti o modificando quelli di base e ormai non si possono contare le variazioni regionali da gustare in ogni angolo del Giappone nonché nell’infinità di ristoranti che propongono la loro ricetta originale. 
regali giappone guida

Stai partendo per il Giappone? Mangia Ramen nei migliori ristoranti locali con la nostra guida Oishii. Anche se non sai parlare giapponese. Vedila qui. 

 

- Advertisement -
ramen sesamo
Il brodo del ramen può contenere anche crema di sesamo, inoltre sul tavolo sono presenti condimenti per rifinire a piacere

Tutti concordano sull’origine cinese della ricetta mentre ci sono ancora diverse teorie sull’origine del nome. La tesi più diffusa è che “ramen” sia la pronuncia giapponese di “lamian” che in cinese significa “tagliatelle tirate a mano”. La diffusione dei ramen in Giappone, come anche di altri piatti di origine cinese, avviene negli anni ’50 quando molti soldati giapponesi rientrano in patria dopo la guerra in Manciuria, il picco arriva però nel 1958 quando Momofuku Ando, presidente della ditta Nissin, brevetta e introduce sul mercato i ramen istantanei. I tagliolini in brodo diventano in breve un’icona pop e iniziano a comparire un po’ ovunque, anime, manga, televisione, riviste, conquistando fama anche fuori dal Giappone.
Dove mangiare Ramen a Tokyo.

Toripaitan ramen ricetta
Ramen Toripaitan, uno dei miei preferiti, con un brodo cremoso a base di pollo.

Tipi di Ramen

Come dicevamo esistono probabilmente migliaia di ricette dei ramen ma a grandi linee possiamo dividere le preparazioni in 4 grandi categorie a seconda del tipo di brodo:

Shio ramen

Il ramen con il sale (shio) è probabilmente la versione meno recente e quindi forse più vicina a quella che si mangiava negli anni ’50, il brodo è fatto con pollo, verdure e pesce, ogni ristorante ha il suo brodo segreto e sceglie se utilizzare più pollo o più pesce oppure quali verdure e in quali quantità. Il brodo dello shio ramen è chiaro, tendente al giallo e ovviamente piuttosto salato. Alcuni aggiungono al brodo anche ossa di maiale, che sono tipiche di un altro tipo di ramen, il tonkotsu, ma non sono bollite a lungo perciò il brodo resta pallido e leggero. I tagliolini tipicamente aggiunti a questo ramen sono in genere ricci ma la consistenza e lo spessore sono molto variabili. Anche i condimenti variano, dalle polpettine di pollo alle fettine di maiale, si trova quasi sempre l’alga, kamaboko e una bella spruzzata di pepe.

Shio ramen, ramen al sale.

Tonkotsu ramen

Tonkotsu (豚骨) significa “osso di maiale” che è l’ingrediente principe di questo ramen dal brodo bianco e denso. Il brodo è fatto bollendo ossa di maiale, grasso e collagene su un fuoco alto per molte ore, il risultato è un brodo dal sapore forte con una consistenza cremosa e grassa che sembra quasi panna. Alcune ricette prevedono che questo brodo di maiale venga miscelato con una certa quantità di brodo di pollo e verdure. I tagliolini sono in genere lisci e sottili e spesso viene aggiunto dello zenzero come guarnizione (lo stesso che di solito accompagna il sushi) per rinfrescare un po’ la bocca.

tonkotsu ramen ricetta
Tonkotsu ramen, dal brodo cremoso

 

Shōyu ramen

Ramen alla salsa di soia, il brodo di questo ramen è di color marrone chiaro, fatto di pollo e verdure, ma qualcuno utilizza anche pesce o manzo, e un’aggiunta copiosa di salsa di soia, il risultato è un sapore intenso, salato ma ancora abbastanza leggero e non eccessivamente grasso. I tagliolini più usati sono quelli ricci, gli stessi dello shio ramen e anche la guarnizione è simile, spesso si aggiunge anche un uovo sodo.

shoyu ramen ricetta
Shoyu ramen, con salsa di soia e in questo caso, aglio crudo grattuggiato

 

Miso ramen

E’ il più recente dei quattro ed è una ricetta puramente giapponese, non ha quindi origini cinesi, viene prodotto per la prima volta in Hokkaidō nel 1965 ed è caratterizzato da un brodo che combina al brodo classico di pollo o pesce una gran quantità di miso, a volte la densità del brodo è aumentata dall’aggiunta di brodo tonkotsu e il risultato è molto saporito e sempre più apprezzato. Questo ramen prevede delle tagliatalle spesse e morbide ed è accompagnato da porri, cipollotto, germogli di soia, carne di maiale, semi di sesamo e aglio tritato.

Miso ramen, questo è dell’Hokkaido, con burro aggiunto

 

Vuoi provare a cucinare il tonkotsu ramen? Trovi qui la ricetta di Food&Crafts!

A domani con un nuovo piatto di cucina giapponese!

Vuoi vedere il giorno corrispondente del calendario degli anni scorsi? Eccoli qui:

2017 – un kanji al giorno

Calendario dell’avvento 21 dicembre – Otakara-e

2016 – le prefetture giapponesi

21 dicembre #CalendarioAvvento

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.