Com’era Kobe: le vecchie cartoline a confronto con le foto di oggi

77

Nel 1950 l’artista Hide Kawanishi ha realizzato delle serie di cartoline a colori raffiguranti Kobe dopo la seconda guerra mondiale. La tecnica usata è quella della stampa con  blocchi di legno (la stessa usata dai grandi dell’Ukyoe come Hiroshige e Utamaro) e riprendono i cambiamenti della città post-bellica. Nel 1962 l’artista raccolse le cartoline in un libro a cui ha dato il nome 100 vedute di Kobe (神戸百景色) ed è stata l’ultima sua opera importante, dato che morì nel 1965.

Porto di Kobe
Porto di Kobe

Dopo 60 anni Takayuki Kita, affascinato dall’opera di Hide, ha speso 2 anni a cercare tutte le location. Kita scattato le foto odierne degli stessi luoghi presenti nelle cartoline. Ha raccontato “Sono stato guidato dal suo entusiasmo nel catturare lo spirito e la personalità di Kobe e le architetture che punteggiano la città”.

Insegne neon di Moto-Machi
Insegne luminose di Moto-Machi

Le sole illustrazioni sono meravigliose e ovviamente sono godibili da sole. Tuttavia comparare le due scene può essere un esercizio affascinante e surreale. Tutte le 100 illustrazioni, insieme alla foto “moderna” (e alla posizione su Google Maps) sono disponibili su sito ufficiale della città di Kobe e, se vi interessa, diverse copie usate del libro stanno comparendo su internet.

Il monte Rokko di notte
Il monte Rokko di notte
Parco di Shiogahara
Parco di Shiogahara
Mueo d'arte Hakutsuru
Mueo d’arte Hakutsuru
Distilleria di Sake Nada
Distilleria di Sake Nada
Nankin Machi (China Town)
Nankin Machi (China Town)
Stazione di Kobe
Stazione di Kobe
Spiaggia di Suma
Spiaggia di Suma
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.