Oggi impariamo un classico della merenda giapponese, li avete visti in ogni cartone animato dell’infanzia, ecco gli onigiri!

Onigiri, le polpette di riso

Tutti conosciamo gli onigiri, i triangolini di riso bianco dai vari ripieni avvolti in una croccante alga ma forse non tutti sanno che gli onigiri (お握り; 御握り; おにぎり), in Giappone sono anche conosciuti con il nome omusubi (お結び; おむすび) e nigirimeshi (握り飯; にぎりめし) e che possono anche avere forma cilindrica.

onigiri polpette di riso giapponesi per merenda ricetta
Onigiri in vendita al kombini

Murasaki Shikibu, la nota autrice di Genji Monogatari, cita gli onigiri come parte di un pranzo al sacco già nell’ undicesimo secolo. Altre opere, anche più antiche, menzionano delle polpette di riso simili agli onigiri come cibo che i samurai si portavano sui campi di battaglia.

Non sappiamo esattamente come fossero gli onigiri degli antichi samurai, ma sappiamo per certo che la produzione di massa degli onigiri ed il loro tipico involucro triangolare ha iniziato a invadere il Giappone negli anni ’80.

- Advertisement -

Forse è stata proprio l’invenzione della confezione che tiene separata l’alga dal riso fino all’apertura a permettere la produzione su larga scala. In sua assenza l’alga diventa presto umidiccia e poco appetitosa.

Oggi si può ragionevolmente dire che sia in assoluto il cibo più diffuso e più consumato in Giappone. Degli 11.500 partecipanti ad un sondaggio commissionato dal gruppo di ricerca My Voice nel 2012, il 99% ha risposto che gli piace mangiare gli onigiri e al primo posto tra i ripieni preferiti, scelto dal 66% dei votanti, c’è il salmone.

onigiri polpette di riso giapponesi per merenda ricetta
Yaki onigiri, onigiri alla piastra servito in un izakaya

Si vedono spesso gli onigiri nei bento, i pranzi al sacco, che i genitori preparano per i bambini che vanno a scuola, ma la maggior parte dei giapponesi compra gli onigiri al konbini e li mangia in pausa pranzo.

onigiri polpette di riso giapponesi per merenda ricetta
Onigiri con ripieni particolari e riso misto

Per chi non ha dimestichezza con i kanji a volte potrebbe essere difficile districarsi tra i vari ripieni, vediamo alcuni tra i più comuni.

ume – prugna salata giapponese

 

紅鮭 beni shake – salmone

 

おかかokaka – fiocchi secchi di palamita (in inglese bonito flakes) e salsa di soia

鱈子tarako – uova di pollack d’Alaska

 

明太子mentaiko – uova di merluzzo

 

ツナマヨネーズtsuna mayoneezu – Tonno e maionese

焼豚yaki buta – carne di maiale grigliata

 

昆布konbu – alga

 

onigiri polpette di riso giapponesi per merenda ricetta
Onigiri speciali con salmone grigliato e pancetta brasata

Vuoi provare a cucinarli?

Ecco la ricetta per preparare gli onigiri!

Ricetta di Chiara Bettaglio

Ingredienti

si calcolano 30 grammi di riso crudo per ogni onigiri

  • riso giapponese per sushi (o in alternativa riso originario)
  • alga nori in fogli
  • sale
  • sesamo bianco o nero (opzionale)

ingredienti per il ripieno 

  • tonno e maionese: tonno in scatola e maionese in tubetto
  • salmone: 1 filetto di salmone
  • okaka: una manciata di fiocchi di tonnetto secco katsuobushi e 2 cucchiai di salsa di soia
  • ume: umeboshi sotto sale (1 e mezza per ogni onigiri)

Procedimento

Preparare il riso
Misurare con un bicchiere la quantità di riso che si intende preparare e segnarne il volume (30 grammi di riso crudo per ogni onigiri). Sciacquate il riso in una bacinella strofinandolo delicatamente. Cambiate l’acqua fino a che non risulti trasparente.

Lasciare il riso a bagno in acqua fredda pulita per almeno mezz’ora. Nel frattempo potete  preparare i ripieni.

Scolare il riso e metterlo in un tegame con un coperchio insieme ad un volume di acqua pari a una volta e mezza il volume del riso precedentemente misurato (ad esempio se il riso all’inizio stava in un bicchiere, aggiungere un bicchiere e mezzo di acqua).

Mettere sul fuoco a fiamma alta fino a che non bolle, poi mettere un coperchio e abbassare al minimo, cuocere per 10 minuti. Quando il timer scatta, spegnere il fuoco e aspettare altri 10 minuti. Non aprire mai il coperchio fino alla fine.

Trasferire su un piatto largo con l’aiuto di una spatola di legno bagnata d’acqua e mescolarlo delicatamente per fargli incamerare un po’ d’aria e farlo raffreddare. Il riso è pronto per formare gli onigiri quando è abbastanza tiepido da essere preso in mano senza scottarsi.

onigiri ricetta
Onigiri con salmone e alghe

Preparare i ripieni
Tonno e maionese: scolate il tonno dall’olio. Mescolatelo con una forchetta in una ciotola insieme alla maionese. Se vi piace potete aggiungere la punta di un cucchiaino di wasabi in pasta.

Salmone: cucinate il salmone al forno con un pizzico di sale fino. Servono circa 25 minuti a 200°. Quando è cotto sbriciolarlo in pezzi con una forchetta, eliminate la pelle e lasciate raffreddare. Alcuni lo cucinano con una spennellata di salsa di soia.

Okaka: mescolate i fiocchi di katsuobushi con la salsa di soia in una ciotolina. Lasciate i fiocchi in infusione per 10 minuti o fino a che non abbiano assorbito tutta la salsa.

Ume: Snocciolate le umeboshi e tritatele grossolanamente.

Preparare gli onigiri

Tagliare l’alga nori a strisce con l’aiuto di una forbice.
Preparate una bacinella con dell’acqua fredda e un piattino con sale fino.
Bagnatevi le mani e mettere un pizzico di sale sui palmi. Prendete una quantità di riso grande come una pesca e fate un buco al centro per il ripieno. Il buco deve avere la dimensione di un cucchiaino. Inserite un po’ del ripieno preferito e richiudete il riso per nascondere il ripieno formando prima una palla. Date poi con le mani dare una forma triangolare.

Pressate il riso dolcemente senza schiacciarlo troppo forte. L’onigiri deve rimanere insieme ma non essere spiaccicato. Per poterli fare perfetti potete usare una apposita forma  triangolare oppure potete prendere degli stampini a forma di animali, stelle, hello kitty e tutto ciò che li renda kawaii!

Se gli onigiri vanno conservati prima di essere consumati mettete un po’ di ripieno su una delle punte per ricordarvi di cosa sono farciti. Avvolgeteli quindi uno per uno nella pellicola trasparente e metteteli nella parte meno fredda del frigo avvolti tutti insieme in uno strofinaccio. Il freddo del frigo rovina il riso ma è necessario conservarli per non farli andare a male.

Prima di servirli avvolgeteli nell’alga nori. Se volete potete cospargerli con il sesamo.

Ti è piaciuto? Hai provato la ricetta? Mandaci una foto!

A domani con un nuovo piatto di cucina giapponese!

Vuoi vedere l’otto dicembre dei calendari degli anni scorsi? Eccoli qui:

2017 – un kanji al giorno

Calendario dell’avvento 8 dicembre – la slitta!

2016 – le prefetture giapponesi

8 dicembre #CalendarioAvvento

onigiri polpette di riso giapponesi per merenda ricetta

Onigiri – #calendarioavvento 2018 – 8 dicembre ultima modifica: 2018-12-08T07:30:16+01:00 da Stefania Versaci
Summary
recipe image
Recipe Name
Onigiri
Author Name
Published On
Preparation Time
Cook Time
Total Time
- Advertisement -

5 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.