Tokyo ha più di 13 milioni di abitanti e tutti, compreso un crescente numero di turisti, amano celebrare la fioritura dei ciliegi con l’usanza dell’Hanami. Hanami è una parola giapponese formata da “hana” fiori e “mi” la radice del verbo che significa vedere e indica la tradizione tutta giapponese di contemplare la fioritura dei ciliegi celebrando al tempo stesso la sconvolgente bellezza e l’ inevitabile fragilità della vita che i fiori rappresentano. Fino a qualche secolo fa erano i fiori di pruno ad essere al centro dell’usanza dell’Hanami ma col passare del tempo il fiore dell’Hanami per eccellenza è diventato il fiore di ciliegio nelle sue delicate sfumature di rosa, conosciuto in Giappone con il nome di sakura.

Gli irriducibili si svegliano molto presto per ottenere il loro posto nei parchi più famosi come Ueno e Yoyogi e piazzare il classico telo di plastica blu sotto gli alberi ricolmi di fiori, tuttavia non è sempre necessaria una levataccia per godersi un Hanami indimenticabile, è sufficiente puntare su posti meno famosi ma altrettanto spettacolari. Vediamo quali sono.

1

STAZIONE MONZEN NAKACHO – 門前 仲 町 駅

Monzen Nakacho è una stazione della metropolitana di Tokyo, in questa stazione si fermano la linea Tozai e la linea Oedo della Metro.

Uscendo dalla stazione utilizzando l’uscita numero 4 basta camminare per pochi metri per trovarsi già lungo il canale dove gli alberi di ciliegio si riflettono nell’acqua. Molto probabilmente avete visto spesso foto di alberi di sakura che sporgono dalle sponde dei canali sfiorando l’acqua con i rami carichi di fiori. Questo è uno dei posti dove si possono scattare foto incredibili dai ponti che attraversano il canale o semplicemente fare una passeggiata lungo le rive del fiume per godere dello spettacolo.

2

PARCO SUMIDA – 墨 田 公園

Questa zona diventa sempre più conosciuta ma è ancora un po’ più tranquilla rispetto ai parchi più famosi, soprattutto perché la maggior parte dei turisti diretti verso la torre Sky Tree generalmente non si ferma nel parco se non per scattare qualche foto veloce. Si può raggiungere facilmente dalla stazione Asakusa camminando sulle sponde del fiume Sumida che dà il nome al parco.

La sponda sul lato della stazione potrebbe essere un po’ più affollata, il suggerimento è di attraversare il ponte ed addentrarsi nel parco per scattare delle splendide foto con la Sky Tree che si staglia sullo sfondo. Soprattutto nei giorni feriali il parco non è mai eccessivamente affollato, con l’eccezione dell’ora di pranzo quando molti impiegati degli uffici della zona raggiungono le sponde del fiume Sumida per godersi la pausa pranzo sotto le fronde rosa dei sakura.

3

SHINJUKU GYOEN – 新宿 御苑

Shinjuku Gyoen è uno dei parchi più famosi di Tokyo ed è molto popolare durante la stagione dell’Hanami, nonostante questo, essendo molto grande e richiedendo un biglietto di ingresso che costa 200 yen è un po’ al riparo dalle grandi folle ed è frequentato soprattutto dalle famiglie. Non è però la meta giusta se desiderate passare anche la serata sotto i ciliegi perché chiude alle 4 e mezza e l’ingresso è consentito fino alle 4.

Shinjuku Gyoen apre la mattina alle 9 e si raggiunge con una passeggiata di 10 minuti dalla stazione di Shinjuku utilizzando l’uscita “New South Exit”.

4

PARCO INOKASHIRA – 井 の 頭 恩賜 公園

Il parco Inokashira si trova nel quartiere di Mitaka, lo stesso quartiere del Museo dello Studio Ghibli, e conta ben 500 alberi di ciliegio . È popolare soprattutto tra le persone che vivono in zona in quanto si trova un po’ fuori dai percorsi turistici classici. All’interno del parco c’è anche un laghetto ed è possibile noleggiare un simpatico pedalò a forma di cigno oppure una barchetta a remi.
Attenzione però se andate in coppia, si dice che le coppie che solcano le acque del lago siano destinate a lasciarsi, il santuario accanto al lago ospita infatti la vendicativa dea dell’amore Benzaiten che pare si ingelosisca nel vedere le coppiette felici nel parco dedicato a lei.
Se siete superstiziosi meglio godersi un bel picnic sotto i sakura senza avventurasi sui pedalò. L’ingresso al parco è gratuito, si raggiunge con una breve passeggiata dalla stazione di Kichijoji ed è possibile godere della fioritura fino a tarda sera grazie alla buona illuminazione del parco. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.