Se ancora non ci siete andati, riservate uno dei prossimi weekend di giugno ad una gita a Treviso e andate a visitare la mostra “Giappone, terra di geisha e samurai”, un’occasione unica di osservare dal vivo molti, moltissimi pezzi originali giapponesi di vario genere. 

mostra treviso giappone
Paravento con lo Shishimai, leone danzante giapponese

Gli oggetti in questione sono parte della collezione personale di Valter Guarnieri, imprenditore trevigiano, raccolti durante una vita di viaggi e passione per il Sol Levante, hobby ereditato dal padre. I suoi magazzini accolgono circa 2000 pezzi, davvero di ogni genere: dai netsuke ai paraventi, passando per stampe ukyoe, abiti, armature, dipinti. La mostra presenta più di 150 pezzi scelti tra questi come i più significativi per proporre un percorso attraverso la cultura giapponese, declinata nei vari oggetti che caratterizzano l’epoca tra il tredicesimo e il ventesimo secolo, raccontando una società raffinata ed elegante attraverso i suoi accessori.

Al contrario di altre mostre tematiche, questa specifica esposizione spezza la noia di osservare molti pezzi dello stesso genere, come ad esempio capita con le stampe, ma attrae la curiosità del visitatore con una moltitudine di oggetti differenti, che cambiano ad ogni sala facendoci assaggiare il Giappone tradizione trasversalmente.

mostra giappone treviso
Menuki e managu, oggetti con piccole miniature utilizzati come decorazioni per le impugnature di spade i primi, e per le borse da tabacco i secondi

Le sale della Casa dei Carraresi accolgono diverse sezioni, si passa dai Samurai alla sala degli Dei dello Shinto, dai personaggi leggendari come poeti ed eroi alle pillole di vita quotidiana
Una sezione leggera e preziosa è dedicata alle geisha, protagoniste di dipinti su paraventi gentili e ritratte indirettamente negli accessori a loro appartenuti, specchi di bronzo, pettinini e altre piccole cose interessanti. 

- Advertisement -
mostra treviso giappone
Paravento con ragazze e fiori di ciliegio

La pittura di paesaggio non può mancare: vi è infatti un’intera sala dedicata a vari pezzi, da rotoli a pannelli rigidi dove l’intensa passione degli artisti nipponici viene rappresentata egregiamente da vedute tradizionali e panorami in cui è marcata l’influenza dello stile cinese, in cui vengono messi a confronto lo stile Nihōnga – tipico giapponese – e lo Yōga, nei cui dipinti l’artista mescola paesaggi nipponici con influenze europee e statunitensi dell’epoca. 

mostra treviso giappone
Paraventi con influenze di stile cinese

L’ultima sezione ci mostra lo stile moderno degli oggetti di inizio 900, che vengono pensati e prodotti specificatamente per alimentare il mercato dell’arte per l’esportazione. Non più oggetti unici ma riproduzioni del genere tradizionale adattato per il gusto estero: un esempio lampante ne è il paravento con la tigre e il suo cucciolo, soggetto ritratto con uno stile occidentale che riprende le atmosfere giapponesi.

Raffigurazione della tigre in stile giapponese tradizionale, più simile ad un oni, a sinsitra, mentre a destra particolare del paravento giapponese di inizi 900 con stile adattato per il mercato dell’arte da esportazione.

Ad approfondire usi e costumi attraverso gli oggetti, fotografie all’albumina – le prime risalenti alla seconda metà dell’ottocento – di cui alcune attribuibili a Felice Beato, che mostrano personaggi e soggetti di tutti i giorni in posa. 

mostra giappone treviso
Foto all’albumina. le scene venivano ricreate in studio e i modelli venivano fatti stare in posa per alcuni minuti. La pellicola del tempo aveva un tempo di posa molto più lungo di quella attuale

Una mostra che è un invito a viaggiare, ad immergersi nelle atmosfere attraverso il concetto tutto giapponese di “Mono no aware“: lo spirito delle cose. Gli oggetti che sono appartenuti a qualcun altro, hanno una propria storia e ne assorbono l’essenza.
Se ne può percepire l’aura osservandoli, immaginare quali avvenimenti abbiano assistito, le sensazioni provate dai proprietari precedenti.

Galleria delle armature da samurai
Particolare di armatura da cerimonia

Sentimento che viene percepito ancora più forte nel caso di alcuni oggetti in particolare, come ad esempio la lama di katana esposta nella prima sala. Di quali nemici avrà trapassato le carni? 
O quale profumo avevano i capelli che il pettinino ha acconciato? 

mostra giappone treviso
Spada originale giapponese con lama esposta e impugnatura, guardia e accessori

Il mio pezzo preferito? La collezione di rotoli verticali raffiguranti Daruma, il monaco buddista in diverse versione da bambola a gatto e perfino con gli occhiali: un modo scherzoso ma rispettoso di ritrarre personaggi importanti con le loro debolezze. 

Daruma a bambola “sempre in piedi” per omaggiare lo spirito del monaco buddista
Mostra giappone treviso
Rotolo verticale con daruma a forma di gatto

Una menzione particolare meritano la collezione di fotografie di uno sconosciuto viaggiatore di fine 800, accuratamente raccolte e corredate delle sue note personali, come a formare una sorta di diario. E’ emozionante scoprire il parco di Ueno in fiore di oltre 130 anni fa e leggere le annotazioni di qualcuno che lo ha visto con gli occhi di allora. 
(cliccate sull’immagine per vederla più ingrandita)

Parco di Ueno, con annotazioni
mostra treviso giappone
Veduta di Kanagawa

Terminerò riproponendovi le parole del curatore, Francesco Morena, esperto di arte e cultura giapponesi che ha pazientemente passato in rassegna tutta la collezione di Guarneri per proporre la mostra: 

Il Giappone è così variegato che permette di raccontare tante storie.

Noi visitando la mostra ne siamo usciti affascinati e arricchiti, specie nella prospettiva di percepire lo spirito delle cose esposte. Ci auguriamo che succeda anche a voi. 

GIAPPONE – ​”Terra di Geisha e Samurai”

CASA DEI CARRARESI – TREVISO
fino al 30 giugno 2019

Giappone, terra di geisha e samurai: la mostra a Treviso ultima modifica: 2019-06-10T21:27:15+00:00 da Chiara-san
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.