Questa mattina alle 11.30 (le 4 di notte in Italia) è stato annunciato il nome della nuova era giapponese, nome che contraddistinguerà il regno del principe Naruhito, che ricordiamo prenderà il posto del Tennō uscente Akihito.
Il nome che è stato scelto è: Reiwa

令和

Reiwa, cosa significa

Ad un primo acchito il “wa” potrebbe essere un omaggio al Giappone, essendo il Wa letteralmente “armonia”, e viene utilizzato per indicare “tutto ciò che è giapponese”.

Shinzo Abe, il premier giapponese, nella conferenza stampa indetta a mezzogiorno, circa mezz’ora dopo l’annuncio, ha spiegato che il significato di Reiwa deriva dall’antologia di poesia classica Man’yōshū, “collezione di diecimila foglie” – risalente al settimo secolo, la più antica del Giappone, che raccoglie poesie di ogni tipo di persona e di ceto sociale, dagli aristocratici ai contadini, che parla di natura e delle cose della vita quotidiana. 

Abe ha dichiarato che il nome Reiwa significa che “la cultura nasce e prospera quando le persone si uniscono in una splendida comunione di animi” e che con la selezione di questo nuovo nome rinnova il suo impegno nel guidare una nuova era piena di speranza.

- Advertisement -

Si auspica che questo auguri felicità alle persone e porti unità spirituale nel popolo giapponese. Nello specifico da un passo del quinto libro dell’antologia, il passo a cui fa riferimento il nome Reiwa parla di “persone che si riuniscono” che si ritrovano insieme, quasi come nell’hanami a mangiare e bere sotto ai pruni e ai ciliegi. Si intende quindi con questo nome implicare il concetto di unità nazionale e di persone che insieme creano cultura  (fonte NHK World).

E’ importante sottolineare come si faccia riferimento al ruolo della Natura, di come Abe abbia commentato l’importanza di preservarla per le prossime generazioni e di lavorare insieme a questo scopo. L’epoca Heisei ha visto fronteggiare uno dei più importanti incidenti nucleari, in cui la Natura, per mezzo di terremoto e tsunami ha devastato parte delle coste del Tohoku, e ne è uscita fortemente avvelenata, dalle emissioni dei rilasci radioattivi dei nuclei dei reattori nell’acqua di mare. 

E’ inusuale per il nome dell’epoca essere derivato dalla letteratura giapponese piuttosto che da quella cinese, rompendo una tradizione lunga oltre 1300 anni, vedremo quali speculazioni verranno fatte nei prossimi giorni.
Una prima interpretazione del nome della nuova era può essere quindi “decreto” (il primo kanji) ma anche “auspicio” e “pace”. 

AGGIORNAMENTO 2 APRILE 2019
Il governo giapponese ha appena rilasciato il significato ufficiale: Reiwa viene tradotto con “Beautiful Harmony”, ovvero meravigliosa armonia. Il concetto viene incorniciato e compreso meglio alla luce del tratto del waka del Man’yōshū da cui è tratto, che si riferisce alla bellezza dei boccioli di pruno, nati dopo un inverno difficile e sottende alla bellezza delle persone quando si incontrano e mettono la loro passione nel coltivare e nutrire la cultura. Questa interpretazione ufficiale è stata rilasciata da Masaru Sato, delegato del console generale e direttore del Japan Information Center a New York. 

nome nuova era epoca giapponese reiwaL’impatto storico e sociale

Molte persone si sono radunate oggi a Tokyo davanti al palazzo imperiale e nei punti “sociali” della città come ad esempio l’incrocio di Shibuya, per ascoltare l’annuncio del nome della nuova epoca.

A Shibuya le persone si aspettavano che lo schermo principale trasmettesse la diretta ma lo schermo non si è acceso. Allora hanno controllato sui loro smartphone e molte persone si sono messe a provare a scrivere i kanji della nuova era “per aria”. Questo gesto è molto importante poiché il nome della nuova era verrà usato e scritto molto spesso nel quotidiano. Alcune persone intervistate hanno rivelato di essersi prese dei permessi dal lavoro per essere lì ad ascoltare l’annuncio: l’impatto dell’annuncio del nome della nuova era è un momento storico importante per i giapponesi, che avviene non molto spesso. 

I nomi delle gengo, ere giapponesi 

I nomi delle cosiddette gengo, le epoche giapponesi legate agli imperatori, sono tradizionalmente formate da due kanji che rappresentano le speranze e i buoni propositi per il periodo a venire. Ad esempio l’epoca Heisei (平成) significa “raggiungimento della pace”, per auspicare un lungo periodo tranquillo dopo i tumulti dell’epoca della seconda guerra mondiale.

Il nome dell’epoca che comincerà il 30 aprile, quando l’imperatore Akihito abdicherà in favore del principe Naruhito, è stato tenuto segreto fino al momento solenne della proclamazione e annunciato con un mese d’anticipo sull’inizio dell’era. Se il nome fosse stato rivelato in anticipo, sarebbe stato automaticamente eliminato in favore del secondo della lista.
Questa procedura ha procurato non pochi grattacapi a molte aziende, specie a quelle che producono aziende e calendari, poichè il nome dell’era è utilizzato correntemente come data ufficiale anche nei documenti ufficiali, come ad esempio i certificati di famiglia o di nascita, la patente e i documenti identificativi. Il nome della nuova era giapponese è perfino sulle monete, percui verranno coniati nuovi pezzi con la scritta aggiornata.

Si è perfino parlato di un nuovo “millennium bug” per quanto riguarda i computer, poichè la nuova datazione dovrà entrare in vigore in ogni caso entro il prossimo mese. Se pensiamo che in un mese tutti i documenti burocratici, i computer e i calendari dovranno essere aggiornati con il nome della nuova epoca, immaginate quanto il mese di aprile sia impegnativo per i burocrati giapponesi. 

Come viene scelto il nome della nuova epoca

Il nome della nuova era è stato scelto tra una lista di 20-30 nomi proposti dagli studiosi designati dal governo a questo scopo. Si tratta di esperti di letteratura giapponese e cinese e di storia giapponese e asiatica, questo allo scopo di assicurare la giusta scelta per i kanji della nuova era. Ognuno di essi propone tra due e cinque nomi, tutti corredati dei kanji e della relativa spiegazione, con le fonti. 

I criteri per la scelta sono molteplici, in generale il nome prescelto oltre a rappresentare gli ideali della nazione e del popolo per il periodo seguente deve essere formato da due caratteri, deve essere relativamente facile da leggere e da scrivere sebbene debba essere formato da kanji che non vengono utilizzati comunemente. Inoltre non dovrebbe essere utilizzato un nome già precedentemente associato a un gengo precedente e non dovrebbe essere una parola di uso comune. Queste procedure di scelta sono le stesse utilizzate per i nomi dei gengo precedenti. 

Dopo aver ascoltato le opinioni di una commissione di esperti e dai capi e delegati di entrambe le camere della Dieta, il governo effettua una scelta finale in una seduta di gabinetto. Il segretario capo di gabinetto giapponese Yoshihide Suga sceglie i tre candidati finali, a ridotto della seduta per la scelta finale, allo scopo di evitare che il nome venga rivelato prima dell’annuncio ufficiale. 

Allo scopo di evitare che si possano fare delle speculazioni sul nome, nemmeno i nomi degli studiosi vengono rivelati, poichè si potrebbe cercare di dedurre il nome dell’era a seconda del campo di studi. In linea di massima il nome più quotato è stato Taika, nonostante il nome fosse già stato utilizzato per l’era compresa tra il 645 e il 650.

Ad ogni modo il nome viene rivelato all’imperatore Akihito in anticipo, allo scopo di preparare in tempo un decreto per la proclamazione della nuova era, prevista per l’ascesa al trono del Principe Naruhito il primo maggio 2019

Le scommesse sul nome della nuova epoca

Su quello che sarebbe potuto essere il nome della nuova epoca, è stato oggetto di molte discussioni, alcune anche da bar. A una prima speculazione si sarebbe potuto pensare ad un nome che accennasse alla carità e alla beneficienza per i più deboli, tratto caratteriale del futuro imperatore. 

Un sondaggio su internet promosso dalle catene di supermercati Izumiya e dalla cantina di sake Shimazaki ha promesso una bottiglia in premio a chi avesse indovinato. Sulle oltre 11mila risposte le più votate sono state: 

  • Anei : tradotto come “pace eterna”, la più votata ma sfortunatamente improbabile poichè un’era giapponese con questo nome è già esistita, da 1772 al 1781;
  • Ankyu : significa pure pace eterna ma scritto con kanji differenti, è stata quella più quotata come probabile candidata su internet;
  • Eiko : col significato di “luce eterna”, un ottimo significato per guidare questi momenti bui con una luce scintillante;
  • Eian : Simile ad Anei, ma con i kanji ribaltati, sempre con un significato simile a “pace eterna”
  • Eiwa : “armonia senza fine”, anche questa rappresenta il desiderio dei giapponesi di un periodo tranquillo e sereno. Almeno questo ultimo un kanji lo ha imbroccato!
Reiwa è il nome della nuova era giapponese ultima modifica: 2019-04-01T05:34:36+00:00 da Chiara-san
- Advertisement -

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.