KYOTO – I giapponesi hanno espresso il loro verdetto relativamente al kanji che riassume meglio gli eventi del 2019: “rei“, il primo carattere del nome della nuova era imperiale, Reiwa.

La Japan Kanji Aptitude Testing Foundation ha annunciato che “rei” è stato il più votato tra i 216.325 suggerimenti ricevuti a livello nazionale, con ben 30.427 voti.

Seihan Mori, capo sacerdote del famoso tempio Kiyomizudera, ha disegnato (come si vede in foto) il kanji su un foglio di carta tradizionale “washi” di 1,5 metri per 1,3 metri con un pennello calligrafico. Il tutto ponendo fine al rituale annuale tenutosi al tempio nel quartiere Higashiyama della città.

Il verdetto finale ha sancito che il kanji riflette meglio l’anno che ha segnato l’inizio dell’era imperiale di Reiwa con la salita al trono dell’imperatore Naruhito, il 1 maggio scorso.

- Advertisement -

I caratteri utilizzati per il nome della nuova sono stati presi dal “Manyoshu” (Collezione di diecimila foglie), la più antica antologia di poesia conosciuta in Giappone, risalente al periodo Nara (710-794). È il primo nome di nuova era che ha origine da un classico giapponese.

Molti di coloro che hanno votato hanno affermato che il nome Reiwa ha offerto l’opportunità di riscoprire la cultura tradizionale giapponese.

Il carattere “rei” è anche usato in termini di “modifica della legge”, “conformità legale”, “emissione di un avviso” e “ordine di evacuazione”. Citando queste definizioni, molti elettori hanno affermato che il kanji riflette in pieno gli eventi chiave del 2019, come ad esempio l’aumento dell’aliquota dell’imposta sui consumi dall’8% al 10%, gli scandali nel settore dell’intrattenimento e le catastrofi naturali.

La pratica di scegliere il kanji dell’anno è iniziata nel 1995. Il kanji di quest’anno è il 25° a ricevere questa designazione.

Il secondo classificato kanji era “shin” (nuovo), che ha ricevuto 14.850 voti, seguito da “wa” (armonia), l’altro carattere del nome della nuova era, con 10.281 voti.

I kanji di “hen” (cambio) e “wazawai” (disastro) seguono rispettivamente con 7.749 e 7.302 voti.

L’anno scorso, è stato selezionato il kanji “wazawai”, che significa disastro, che riflette catastrofi naturali mortali e la tariffa apparentemente quotidiana di scandali politici e molestie di potere.

(Questo articolo è stato scritto da Jiro Omura e Masayuki Takashima.)

Il kanji dell’anno è “Rei”, che riflette la nuova era imperiale. ultima modifica: 2019-12-12T12:33:54+01:00 da Francesco D'Andrea
- pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.