Restare senza medicine durante un viaggio può rivelarsi complicato, specialmente con gli ostacoli linguistici che inevitabilmente sorgono. Ecco qui un piccolo prontuario e informazioni su farmaci e farmacie in Giappone.

Quali farmaci si possono portare in Giappone?

La scelta più consigliata è portarsi dietro farmaci che si usano già.
A questo link potete trovare l’elenco dei farmaci da banco consigliati per un viaggio in Giappone.
Il Giappone non dà problemi ai turisti in questo senso: potete introdurre in Giappone farmaci senza ricetta medica se la quantità è inferiore al mese, per i farmaci da banco e quelli con obbligo di ricetta. Rientrano in questa categoria paracetamolo, ibuprofene, tramadolo, pillola anticoncezionale, vitamine, lenti a contatto usa e getta. Per quantità superiori al mese è necessario compilare un apposito modulo, lo Yakkan Shoumei (薬監証明), che trovate nei link sotto insieme al sito del Ministero della Salute giapponese. Lo Yakkan Shoumei è da compilare anche se trasportate macchinari a uso medico, mentre ciò che potreste usare normalmente da soli in Italia non lo richiede. 

Alcune sostanze psicotrope, come il Valium, si possono trasportare senza Yakkan Shoumei se non superano 1,2 grammi. Per essere sicuri controllate sul sito del Ministero i quantitativi ammessi per ogni farmaco.

Per i narcotici (morfina, codeina, ossicodone), non basta lo Yakkan Shoumei, ma occorre un certificato a parte, a cui accompagnare una lettera del vostro medico e i dettagli del volo.
Attenzione agli stimolanti presenti in alcuni inalatori (Vicks) e in farmaci per le allergie: queste sostanze sono illegali in Giappone e vi conviene controllare in ambasciata prima di partire.

- Advertisement -

Portatevi comunque sempre dietro la vostra prescrizione, in caso abbiate bisogno di recarvi da un medico giapponese per chiarimenti o problemi.

Se avete bisogno di farmaci da banco in Giappone, potete trovarne in farmacia, drogherie e alcuni konbini. Le farmacie (薬屋 o くすりや – kusuriya) sono facilmente riconoscibili dalle facciate sgargianti e sono generalmente aperte sette giorni su sette, le più grandi 24 ore al giorno: oltre alle medicine, troverete anche prodotti per la casa e per l’igiene personale, cosmetici, prodotti per la pelle e i capelli, articoli per bambini. Alcune farmacie tengono i farmaci separati dal resto degli articoli in vendita oppure scatole vuote in esposizione, per cui dovrete chiedere ai farmacisti.

Se invece il problema è più grave, dovrete consultare un medico. Sempre più cliniche hanno, all’interno dello staff, medici che si sono specializzati all’estero o che comunque conoscono l’inglese: controllate con la vostra assicurazione se siete obbligati a recarvi in determinate cliniche e ospedali o se potete scegliere. Se vi recate in ospedale e vi occorrono medicinali, questi vi saranno dati nella quantità necessaria e dovrete recarvi nuovamente nello stesso ospedale per accertamenti nel caso il problema persista e vogliate fare ulteriori controlli.

E’ consigliabile contattare l’AMDA (International Medical Information Center) se non state bene o vi ferite: questo servizio, mirato ai turisti stranieri, offre informazioni sulle prestazioni mediche, oltre a un numero verde di interpretariato per assistenza durante visite e esami.

Per le emergenze il numero è 119 (pompieri e ambulanza) e 110 per la polizia. Se siete nella zona di Tokyo, potete trovare operatori che parlano inglese, altrimenti cercate di parlare lentamente e nel modo più chiaro possibile, in giapponese o inglese.
Alcuni hotel hanno una guardia medica o comunque un contatto medico a disposizione degli ospiti. Chiedete alla reception se non sapete cosa fare.

Un piccolo vocabolario per farsi capire

È utile imparare o tenere a portata di mano questo piccolo vocabolario:
かぜ/風邪 (kaze) – raffreddore
のど/喉 (nodo) – gola
せき/咳 (seki) – tosse
くしゃみ (kushami) – raffreddore/naso che cola
さむけ (samuke) – avere i brividi
発熱/熱 (netsu) – avere la febbre
アレルギー (arerugī) – allergia
ぜんそく/喘息 (zensoku) – asma
目のかすみ (me no kasumi) – vederci appannato
目のかゆみ (me no kayumi) – prurito agli occhi/sentirsi pungere gli occhi
目の渇き/目のかわき (me no kawami) o ドライアイ (dorai ai) – occhi secchi
コンタクトレンズ/コンタクト/レンズ (kontakuto renzu, kontakuto, renzu) – lenti a contatto
おなか (onaka) – stomaco
胃の不快感 (i no fukaikan) – mal di stomaco
吐き気/はきけ (hakike) – nausea
下痢/げり (geri) – diarrea
きず (kizu) – ferita
やけど (yakedo) – scottatura
かゆみ (kayumi) – prurito
虫刺され/虫さされ (mushi sasare) – puntura d’insetto
たこ (tako) – callo
ニキビ (nikibi) – acne
ただれ (tadare) – infiammazione
かさつく (kasatsuku) – pelle secca
赤み (akami) – rossore
かお (kao) – viso
ひじ (hiji) – gomito
ひざ (hiza) – ginocchio

Vocabolario dei farmaci giapponesi

Alcuni farmaci che potrete trovare facilmente:
鎮痛剤 (Chintsuzai): medicinale per mal di testa, mal di denti, febbre e dolori mestruali.
バファリン (Bafarin): l’equivalente dell’aspirina.
タイレノール (Tairenoru): paracetamolo.
イブ (Eve A): un mix di ibuprofene, sedativo e caffeina, uno dei medicinali più venduti in Giappone. Viene usato per ogni cosa dal mal di testa alla febbre. Il dosaggio varia a seconda del peso e del dolore, chiedete al farmacista se non siete sicuri.
ガスター10 (Gasta 10): per problemi allo stomaco.
下痢止め (Geridome): per la diarrea.
パブロン (Paburon): contiene paracetamolo ed è usato come antinfiammatorio e per forti raffreddori.
目薬 (Megusuri): lacrime artificiali per occhi secchi.

Sito del Ministero della salute giapponese 
FAQ dal Ministero della Salute giapponese e Yakkan Shoumei 
Certificato narcotici

Per contattare l’AMDA International Medical Information Center
TEL:Tokyo 050-3598-7574 (uffici) 03-5285-8088 (assistenza/consulenza)
Osaka 06-4395-0555
Machida 042-799-3759
Sito web: http://amda-imic.com/lng_eng/

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.