I nubifragi e gli smottamenti del terreno nel Giappone occidentale hanno provocato finora 199 vittime e ancora molti dispersi (dati del 12 luglio 2018), senza parlare degli oltre 2 milioni di persone evacuate, facendo diventare questa la calamità meteorologica giapponese più pesante degli ultimi 36 anni. Inoltre a seguire i nubifragi è prevista una grossa ondata di caldo con tutti i disagi della situazione: residui organici, caldo per gli sfollati, fango da spalare. Nella zona intorno a Hiroshima alcune autostrade sono ancora chiude e i rifornimenti di cibo e acqua potabile fanno fatica a raggiungere le zone disastrate.

Le prefetture più colpite sono Fukuoka, Nagasaki, Saga, Hiroshima, Okayama, Hyogo, Kyoto, la città di Kura e Kurashiki, le immagini che arrivano dai giornali e dagli account facebook e twitter di istituzioni e persone che abitano nelle zone lasciano sgomenti.

Come aiutare il Giappone

Moltissimi messaggi ci sono arrivati chiedendo cosa si può fare per aiutare la popolazione.
La prima cosa che consigliamo di fare è FARE ATTENZIONE ALLE RICHIESTE DI DONAZIONI.
E’ stato diramato un paio di giorni fa un avviso dall’account facebook della città di Hiroshima che mette in guardia le persone contro le false richieste di aiuti umanitari, donazioni in denaro e quant’altro. Sembra impossibile che la gente possa lucrare su una tragedia del genere perfino in Giappone, ma a quanto pare è successo.

Ohayo è in contatto con il Consolato Generale del Giappone a Milano per capire quali canali siano i più diretti e soprattutto ufficiali per poter inviare donazioni e aiuti. Al momento non risulta ancora nessun canale ufficiale confermato (Aggiornamento 12/07/18 ore 11.00).
Non appena avremo informazioni le comunicheremo tempestivamente.

- Advertisement -

Abbiamo trovato alcune iniziative non ufficiali online che segnaliamo ma con questo disclaimer: non ci assumiamo responsabilità, non sono iniziative ufficiali e non le promuoviamo. Il consiglio spassionato è attendere qualche giorno per fare donazioni, fino a che non ci sia chiarezza e ufficialità onde evitare di ritrovarsi con spiacevoli sorprese.
L’unico organo che ci sentiamo di suggerire con certezza personalmente al momento è quello della croce rossa giapponese. 

Per chi paga le tasse in giappone si può donare tramite il Furosato Choice, che assomiglia un po’ alla destinazione del nostro 5permille. https://www.furusato-tax.jp/saigai/filter?category_id[]=934&page=1

Ohayo sta pensando di raccogliere ORIGAMI, LETTERE e DISEGNI da portare nei centri sfollati per alleviare in qualche modo la permanenza delle persone che sono rimaste senza una casa. Saremo in Giappone a fine luglio e ci vorremmo impegnare per andare a consegnarli. Vi aggiorniamo sempre su questa pagina nei prossimi giorni.

Croce rossa giapponese

La croce rossa giapponese ha diramato oggi (12 luglio 2018) un annuncio per il quale accettano donazioni per sostenere le attività presso i vari siti affetti dalle inondazioni. Sul link di riferimento spiegano anche che fine fanno i soldi e come vengono distribuiti direttamente a chi ne ha bisogno. Tutte le informazioni in inglese a questo indirizzo: 
http://www.jrc.or.jp/english/relief/180712_005348.html

Altre Iniziative 

Rakuten
Il famoso marketplace giapponese ha aperto una campagna di donazioni per le inondazioni giapponesi, si può donare sul sito e accettano denaro oppure donazioni via punti rakuten (se ne avete e siete clienti).
https://global.rakuten.com/corp/donation/nishinihon201807_en/nishinihon201807_en.html

Mainichi Shinbun
Il gruppo editoriale a cui fa riferimento il quotidiano giapponese Mainichi Shinbun accetta donazioni per il disatro, è possibile donare solo se sul territorio giapponese via traferimento postale (yubin furikae), le informazioni sul sito: 
https://mainichi.jp/english/articles/20180709/p2a/00m/0na/015000c

Yahoo! Japan
Il celebre portale e motore di ricerca che in giappone è ancora molto famoso e utilizzato raccoglie donazioni che saranno distribuite direttamente alle prefetture locali o alle municipalità colpite dal disastro. Per donare dovete essere iscritti a Yahoo: 
https://donation.yahoo.co.jp/detail/1630036/

Operation Blessing Japan
E’ una associazione non governativa americana con una sezione dedicata al Giappone che in questo momento sta consegnando acqua potabile nelle zone disastrate. Chiedono donazioni in denaro, non sappiamo altro.
https://objapan.org/report/16816/

Second Harvest Japan
E’ un’associazione simile alla nostra “Colletta alimentare” che sta distribuendo cibo e viveri nelle zone colpite dal nubifragio. Cercano volontari per aiutare a distribuire, devono essere già sul territorio giapponese (non arrivare dall’italia) scrivere a [email protected]

Voluntary Architects’ Network (VAN) e Shigeru Ban Architects
Queste associazioni di architetti hanno sviluppato un sistema comodo e veloce da trasportare per attrezzare palestre e capannoni a spazi housing per sfollati, che hanno già fornito durante le emergenze di Fukushima e Kumamoto. Stanno attrezzando in questo momento gli spazi dei centri sfollati, accettano donazioni in denaro, i dettagli a questo indirizzo: http://www.shigerubanarchitects.com/SBA_NEWS/2018_westjapan/index.html

Idro Japan
Questa ONG ha fornito aiuto e assistenza durante i precedenti disastri di Kumamoto, Joso, Nagano e Aso, accetteranno volontari dal momento che sarà possibile accedere alle zone disastrate per aiutare a spalare e altre mansioni. Accettano anche donazioni.
http://www.idrojapan.org/web/

Peace Boat ONG
Questa organizzazione opera direttamente nelle zone disastrate tramite centri di volontari e si interfacciano con le agenzie locali per stabilire quali sono i supporti necessari da fornire (cibo, acqua, case, etc..). Accettano donazioni internazionali. 
https://pbv.or.jp/en/donate/2018_nishinihon/

AFP PHOTO / Martin BUREAU

Disclaimer: le informazioni sulle associazioni e organizzazioni per donazioni e volontariato su questa pagina sono fornite al solo scopo di informare i lettori. Ohayo non è responsabile per eventuali problemi che si potrebbero creare tra donatore ed associazione e non è associato o affiliato a nessuna delle organizzazioni elencate. 

- Advertisement -

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.