Avete mai visto questa foto? Sono sicuro che molti di voi risponderanno in modo affermativo e che qualcun altro sa anche che ritrae l’Imperatore Meiji. È stata fatta nel 1888 e nasconde più di un paio di caratteristiche sorprendenti.
Partiamo con il dire che no, non si tratta affatto di una foto ma di un disegno talmente realistico da sembrarla. Continuiamo dicendo che a realizzare tale disegno è stato un italiano, tale Edoardo Chiossone (noto forse a pochi ma figura molto importante nella storia italo-giapponese).
Questo ritratto nasconde molte altre particolari curiosità: partiamo con il dire che l’Imperatore Meiji non amava affatto farsi ritrarre in fotografia o posare per ritratti e per trovare una soluzione a tale problema un membro del Consiglio del Governo si è rivolto proprio a Chiossone – preceduto dalla sua fama di grande ritrattista – per cercare di riprodurre l’immagine dell’Imperatore a sua insaputa, in modo da poter creare dei biglietti da visita (una consuetudine molto diffusa all’epoca tra i vari capi di Stato) da consegnare nelle varie visite diplomatiche.
Il ritrattista italiano ha accettato e si è messo immediatamente all’opera. Durante una visita prende appunti e disegna alcuni schizzi analizzando il volto e le pose di Meiji.

Con i pochi riferimenti presi durante tale visita, Chiossone riesce a creare il ritratto che tutti noi conosciamo. La grandezza del suo lavoro ha fatto in modo che anche l’Imperatore, una volta vista l’opera, non potesse opporsi alla pubblicazione del ritratto.
Curiosità nella curiosità.
Chiossone aveva preso appunti più che altro relativi al volto dell’Imperatore, per ritrarre il corpo perciò ha usato uno stratagemma molto semplice ma anche perfettamente efficace: ha indossato un’uniforme e si è fatto fotografare in posa. Riproducendo le sembianze dell’Imperatore dove sarebbe dovuta esserci la sua faccia, è riuscito a ricreare in modo eccellente la figura di quest’ultimo.
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.