Calendario Eventi

Qui trovi un elenco degli eventi giapponesi, corsi, fiere e incontri riguardanti il Giappone che si svolgono in Italia, nella vicina Europa o eventualmente eventi di interesse che si svolgono in Giappone. 

Organizzi un evento giapponese?

Mandaci le informazioni e lo pubblicheremo nella nostra sezione eventi! 

INSERISCI EVENTO

Calendario Eventi ultima modifica: 2016-02-20T15:18:42+01:00 da Chiara-san
Ott
25
Mar
DA GOLDRAKE A SAILOR MOON: AVVENTURE STELLARI! @ Planetario Hoepli, Milano
Ott [email protected]:00–22:30

Con il patrocinio del Consolato Generale del Giappone a Milano

CONFERENZA

DA GOLDRAKE A SAILOR MOON: AVVENTURE STELLARI!

“Anime” e Astronomia

Con Monica Aimone e Chiara Pasqualini
Presso il Planetario Ulrico Hoepli, a Milano.

DA GOLDRAKE A SAILOR MOON: AVVENTURE STELLARI! ultima modifica: 2016-09-27T11:28:53+02:00 da Chiara-san
Gen
31
Mar
Gagaku & Budō @ Milano e Roma

Meiji Jingū
Santuario Shintoista di Tokyo
presenta

Gagaku & Budō
Musica di Corte Giapponese e Arti Marziali

 

Siamo lieti di informarvi che lo spettacolo di Gagaku e arti marziali offerto dal Meiji Jingū sarà presentato a Milano il 31 gennaio (Teatro dell’Arte ore 20,30) e a Roma il 2 febbraio (Istituto Giapponese di Cultura in Roma ore 20).

In entrambe le sedi l’evento è a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per Milano

Teatro dell’Arte
viale Alemagna, 6 – 20121 Milano
tram 1, 19, 27 – autobus 57, 61, 94
M 1 e 2 Cadorna Triennale
BikeMi 33
la sede è accessibile alle persone con disabilità

INGRESSO LIBERO SU PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA (fino a esaurimento posti)
Prenotazioni: 26 e 27 gennaio, 10:30 – 13:00, 14:30 – 18:00
[email protected]
Tel. 02/72434258
Ritiro dei biglietti: nei giorni 28, 29 e 31 gennaio presso la biglietteria della Triennale

In collaborazione con:
Fondazione CRT Teatro dell’Arte

Sponsor:
Japan Foundation/Toshiba International Foundation/The Nippon Foundation/ The Tokyo Club
Mizuho Bank, Ltd./The Bank of Tokyo-Mitsubishi UFJ, Ltd./Aichi Sangyo Co., Ltd./Kikkoman Corporation/TOYOTA MOTOR CORPORATION/IDEA Consultants, Inc./KOTOBUKI SEATING CO.,LTD./TOYOTA INDUSTRIES CORPORATION/The Japan-Belgium Society/ NIPPON EXPRESS CO., LTD

Patronage:
Ambasciata del Giappone in Italia/Camera di Commercio e Industria Giapponese in Italia (CCIGI)

Info:
www.triennale.org/teatro
A Milano la serata sarà introdotta da Carmen Covito, presidente di AsiaTeatro.

A Roma l’introduzione sarà a cura della professoressa Matilde Mastrangelo (Dipartimento ISO Univ. di Roma “La Sapienza”) .

Lo spettacolo sarà poi presentato a Roma il 2 febbraio alle ore 20
presso l’Istituto Giapponese di Cultura in Roma
via Antonio Gramsci 74
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Introduzione  a cura della professoressa Matilde Mastrangelo (Dipartimento ISO Univ. di Roma “La Sapienza”).
www.jfroma.it

PROGRAMMA

Proiezioni:
• filmati sulla cultura giapponese e sullo shintoismo; presentazione del Santuario Meiji Jingū

Gagaku (musica di corte):
• Hyōjō-netori e Etenraku: concerto di 3 fiati e 3 percussioni.
• Yoyogi-no-mai: danze con accompagnamento di musica “kagura” eseguite da miko shintoiste del Meiji Jingū.
• Ran-Ryō-ō (Il Principe di Lan Ling): danze con accompagnamento di musica “bugaku” eseguite da sacerdoti shintoisti del Meiji Jingū.

Budō (arti marziali):
• dimostrazione di aikidō e kenjutsu a cura del Direttore dello “Shiseikan” (dōjō del Meiji Jingū) e di altri maestri e praticanti.

Tutte le informazioni nel nostro sito:
http://www.asiateatro.it/gagaku-budo-2017/

Informazioni

L’anno appena trascorso, il 2016, ha segnato la storica ricorrenza dei 150 anni di amicizia tra Giappone e Italia. Ricollegandosi a questo importante anniversario, il Meiji Jingū presenta a Milano e a Roma un’esibizione di gagaku, musica di corte, e di budō, arti marziali patrimonio della tradizione e della cultura giapponese.

Il Meiji Jingū è un tempio shintoista dedicato alle anime dell’Imperatore Mutsuhito e di sua moglie, l’Imperatrice Shōken.
http://www.meijijingu.or.jp/english/
L’imperatore Meiji ha una particolare importanza nella storia giapponese perché nel 1867 ha dato inizio alla modernizzazione del Giappone, abolendo il vecchio regime feudale e cominciando a costruire una nazione aperta al resto del mondo e che però non avrebbe mai dimenticato la sua cultura originale.

Il gagaku, musica di corte tradizionale, che si tramanda invariata nella sua forma originaria da almeno 1500 anni, è il risultato della fusione tra antiche musiche giapponesi e generi melodici di provenienza asiatica. Preservato dalla corte imperiale, è giunto inalterato fino ai giorni nostri, eseguito come musica liturgica nei principali santuari shintoisti e templi buddisti.
Nella musica gagaku si utilizzano  tamburi tradizionali (taiko), strumenti a fiato quali il ryūteki (un tipo di flauto traverso) e lo shō (strumento cilindrico composto da 17 canne di bambù di lunghezze diverse); spesso è previsto l’accompagnamento di danze. L’esibizione in programma vede protagonisti sacerdoti e miko shintoiste del Meiji Jingū.

Il budō, la disciplina marziale, è qui presentato sotto forma di spettacolare dimostrazione di aikidō e kenjutsu (arte del combattimento con la spada) a cura dei maestri dello Shiseikan, il dōjō del Meiji Jingū, affiancati da praticanti amatoriali europei che hanno frequentato il dōjō stesso.

Come ben noto, il budō si prefigge di fortificare lo spirito e il corpo, considerando il primo non meno importante del secondo. Una spiritualità che, secondo la tradizione, trova la sua origine in antiche credenze giapponesi e che è dunque profondamente legata sia allo shintoismo, sia al buddismo, trasmesso in Giappone dopo il VI secolo.

Al CRT Teatro dell’Arte un evento multidisciplinare, che abbraccia musica, teatro ed arti marziali e che conduce il pubblico in un viaggio nell’anima più profonda e autentica della cultura nipponica, con le arti del Gagaku e del budō profondamente intrise dello spirito giapponese e della storia millenaria del Sol Levante.

Gagaku & Budō ultima modifica: 2017-01-18T18:39:39+01:00 da Chiara-san
Feb
2
Gio
Gagaku & Budō @ Milano e Roma

Meiji Jingū
Santuario Shintoista di Tokyo
presenta

Gagaku & Budō
Musica di Corte Giapponese e Arti Marziali

 

Siamo lieti di informarvi che lo spettacolo di Gagaku e arti marziali offerto dal Meiji Jingū sarà presentato a Milano il 31 gennaio (Teatro dell’Arte ore 20,30) e a Roma il 2 febbraio (Istituto Giapponese di Cultura in Roma ore 20).

In entrambe le sedi l’evento è a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per Milano

Teatro dell’Arte
viale Alemagna, 6 – 20121 Milano
tram 1, 19, 27 – autobus 57, 61, 94
M 1 e 2 Cadorna Triennale
BikeMi 33
la sede è accessibile alle persone con disabilità

INGRESSO LIBERO SU PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA (fino a esaurimento posti)
Prenotazioni: 26 e 27 gennaio, 10:30 – 13:00, 14:30 – 18:00
[email protected]
Tel. 02/72434258
Ritiro dei biglietti: nei giorni 28, 29 e 31 gennaio presso la biglietteria della Triennale

In collaborazione con:
Fondazione CRT Teatro dell’Arte

Sponsor:
Japan Foundation/Toshiba International Foundation/The Nippon Foundation/ The Tokyo Club
Mizuho Bank, Ltd./The Bank of Tokyo-Mitsubishi UFJ, Ltd./Aichi Sangyo Co., Ltd./Kikkoman Corporation/TOYOTA MOTOR CORPORATION/IDEA Consultants, Inc./KOTOBUKI SEATING CO.,LTD./TOYOTA INDUSTRIES CORPORATION/The Japan-Belgium Society/ NIPPON EXPRESS CO., LTD

Patronage:
Ambasciata del Giappone in Italia/Camera di Commercio e Industria Giapponese in Italia (CCIGI)

Info:
www.triennale.org/teatro
A Milano la serata sarà introdotta da Carmen Covito, presidente di AsiaTeatro.

A Roma l’introduzione sarà a cura della professoressa Matilde Mastrangelo (Dipartimento ISO Univ. di Roma “La Sapienza”) .

Lo spettacolo sarà poi presentato a Roma il 2 febbraio alle ore 20
presso l’Istituto Giapponese di Cultura in Roma
via Antonio Gramsci 74
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Introduzione  a cura della professoressa Matilde Mastrangelo (Dipartimento ISO Univ. di Roma “La Sapienza”).
www.jfroma.it

PROGRAMMA

Proiezioni:
• filmati sulla cultura giapponese e sullo shintoismo; presentazione del Santuario Meiji Jingū

Gagaku (musica di corte):
• Hyōjō-netori e Etenraku: concerto di 3 fiati e 3 percussioni.
• Yoyogi-no-mai: danze con accompagnamento di musica “kagura” eseguite da miko shintoiste del Meiji Jingū.
• Ran-Ryō-ō (Il Principe di Lan Ling): danze con accompagnamento di musica “bugaku” eseguite da sacerdoti shintoisti del Meiji Jingū.

Budō (arti marziali):
• dimostrazione di aikidō e kenjutsu a cura del Direttore dello “Shiseikan” (dōjō del Meiji Jingū) e di altri maestri e praticanti.

Tutte le informazioni nel nostro sito:
http://www.asiateatro.it/gagaku-budo-2017/

Informazioni

L’anno appena trascorso, il 2016, ha segnato la storica ricorrenza dei 150 anni di amicizia tra Giappone e Italia. Ricollegandosi a questo importante anniversario, il Meiji Jingū presenta a Milano e a Roma un’esibizione di gagaku, musica di corte, e di budō, arti marziali patrimonio della tradizione e della cultura giapponese.

Il Meiji Jingū è un tempio shintoista dedicato alle anime dell’Imperatore Mutsuhito e di sua moglie, l’Imperatrice Shōken.
http://www.meijijingu.or.jp/english/
L’imperatore Meiji ha una particolare importanza nella storia giapponese perché nel 1867 ha dato inizio alla modernizzazione del Giappone, abolendo il vecchio regime feudale e cominciando a costruire una nazione aperta al resto del mondo e che però non avrebbe mai dimenticato la sua cultura originale.

Il gagaku, musica di corte tradizionale, che si tramanda invariata nella sua forma originaria da almeno 1500 anni, è il risultato della fusione tra antiche musiche giapponesi e generi melodici di provenienza asiatica. Preservato dalla corte imperiale, è giunto inalterato fino ai giorni nostri, eseguito come musica liturgica nei principali santuari shintoisti e templi buddisti.
Nella musica gagaku si utilizzano  tamburi tradizionali (taiko), strumenti a fiato quali il ryūteki (un tipo di flauto traverso) e lo shō (strumento cilindrico composto da 17 canne di bambù di lunghezze diverse); spesso è previsto l’accompagnamento di danze. L’esibizione in programma vede protagonisti sacerdoti e miko shintoiste del Meiji Jingū.

Il budō, la disciplina marziale, è qui presentato sotto forma di spettacolare dimostrazione di aikidō e kenjutsu (arte del combattimento con la spada) a cura dei maestri dello Shiseikan, il dōjō del Meiji Jingū, affiancati da praticanti amatoriali europei che hanno frequentato il dōjō stesso.

Come ben noto, il budō si prefigge di fortificare lo spirito e il corpo, considerando il primo non meno importante del secondo. Una spiritualità che, secondo la tradizione, trova la sua origine in antiche credenze giapponesi e che è dunque profondamente legata sia allo shintoismo, sia al buddismo, trasmesso in Giappone dopo il VI secolo.

Al CRT Teatro dell’Arte un evento multidisciplinare, che abbraccia musica, teatro ed arti marziali e che conduce il pubblico in un viaggio nell’anima più profonda e autentica della cultura nipponica, con le arti del Gagaku e del budō profondamente intrise dello spirito giapponese e della storia millenaria del Sol Levante.

Gagaku & Budō ultima modifica: 2017-01-18T18:39:39+01:00 da Chiara-san
Apr
14
Ven
ROBOT FEVER: IL SAMURAI NELL’ERA DEI CHOGOKIN @ FIRENZE
Apr 14–Set 10 giorno intero

ROBOT FEVER: IL SAMURAI NELL’ERA DEI CHOGOKIN

14 aprile – 10 settembre 2017

 

La mostra indaga tutta una tipologia di inedite opere frutto della rinata industria del giocattolo novecentesco ripercorrendo la storia e l’evoluzione del giocattolo nipponico a partire dal successo interno fino all’esplosione del fenomeno a livello internazionale.

In Giappone, negli anni ’70, si inventano fumetti e film d’animazione che vedono protagonisti super robot chiamati a proteggere la patria da tutta una serie di minacce aliene. Le fattezze e i valori che questi nuovi eroi manifestano sono ricalcati su quelli tradizionalmente associati agli antichi guerrieri samurai che, dopo un periodo di eclissi nell’immediato dopoguerra, ritrovano il favore del grande pubblico. Il design dei modernissimi guerrieri attinge a piene mani al campionario stilistico fornito dalle armi e dalle armature dei samurai, così come i principi e i valori morali degli antichi combattenti giapponesi sono ora fatti propri dai moderni super eroi.

L’esposizione è dunque imperniata sul confronto tra i vari elementi che costituiscono le armature dei samurai conservati nella collezione giapponese del Museo Stibbert e l’interpretazione datane dai designer maggiormente influenzati dal loro gusto estetico. Ripercorre le tappe salienti dell’evoluzione stilistica dei robot a partire dagli anni ’50 fino ai giorni nostri.

Negli anni ’70, in Giappone nascono, nei fumetti prima e nei cartoni animati poi, i primi super robot. Il loro successo è immediato e i giocattoli prodotti con le fattezze dei nuovi coraggiosi combattenti vanno a ruba. I produttori li lanciano sul mercato con la notizia che sono prodotti nella fantastica lega con cui erano realizzati i robot nei fumetti: il mitico chogokin che riportava alla mente i leggendari acciai giapponesi utilizzati per costruire le armi indistruttibili dei samurai. Inizia così l’era dei chogokin.

La mostra è stata resa possibile grazie alla passione di intelligenti collezionisti che, in linea con lo spirito che aveva animato Frederick Stibbert nella creazione del suo museo, hanno radunato nelle loro raccolte oggetti, quali appunto i robot, altrimenti destinati ad essere dispersi.

Sarà così assolutamente divertente ed istruttivo per il pubblico di collezionisti e appassionati del settore che visiteranno il museo e le nuove sale giapponesi, ricercare nei vari personaggi raffigurati nei robot gli elementi decorativi tratti dalla tradizione delle armature europee e giapponesi.

Museo Stibbert

via Federigo Stibbert 26
50134 Firenze

ROBOT FEVER: IL SAMURAI NELL’ERA DEI CHOGOKIN ultima modifica: 2017-05-24T15:18:32+02:00 da Chiara-san
Gen
13
Dom
MECHA IN JAPAN – dalla tradizione e dal folklore alla fantascienza @ Torino
MECHA IN JAPAN - dalla tradizione e dal folklore alla fantascienza @ Torino

MECHA IN JAPAN
dalla tradizione e dal folklore alla fantascienza

Il 2019 inizia all’insegna della collaborazione con il patrocinio di Animanga Italia, domenica 13 gennaio alle ore 16 presso Palazzo Cavour in via Cavour n. 8 a Torino, all’interno della mostra Giappone Fiorito, il presidente James Garofalo con gli amici dell’associazione culturale EVA IMPACT, Ilaria Azzurra Caiazza (presidente) e Filippo Petrucci (vice presidente), terranno una conferenza dal titolo“MECHA IN JAPAN – dalla tradizione e dal folklore alla fantascienza”.

Una rassegna su robot e mostri protagonisti di manga e anime, ispirati a samurai, oni e altre iconiche figure del Paese del Sol Levante.

Domenica 13 gennaio presentando in cassa la Tessera Soci AMICI DI GO NAGAI sarà possibile acquistare il biglietto d’ingresso a tariffa ridotta, al prezzo di 8 €.

MECHA IN JAPAN – dalla tradizione e dal folklore alla fantascienza ultima modifica: 2019-01-09T17:17:32+01:00 da Chiara-san
Gen
26
Sab
TRIBUTE GO! Mostra @ Torino
Gen 26–Gen 27 giorno intero

40 anni fa arrivavano in Italia “Il Grande Mazinga” e “Jeeg Robot d’Acciaio”

Anche il 2019 sarà un anno particolare ricco di festeggiamenti per l’assocazione AMICI DI GO NAGAI e per i suoi soci. Altri due quarantennali di lusso in omaggio al Maestro Go Nagai: Il Grande Mazinga e Jeeg Robot d’Acciaio. Per tale occasione, l’associazione di Torino ha raccolto 43 tavole e curato la relativa mostra dal titolo TRIBUTE GO! Un tributo, dunque, ad altri due capolavori dell’animazione giapponese, a quarant’anni dal loro arrivo in Italia.

La mostra sarà inaugurata, come l’anno passato, presso il MUFANT (museo del fantastico e della fantascienza, www.mufant.it) in occasione del JAPAN DAYS, quest’anno in doppia data, 26 e 27 gennaio. Rimarrà disponibile per i visitatori fino al 28 febbraio 2019 presso il museo sito in via Reiss Romoli 49/bis a Torino.

http://www.immaginaria.eu/amicidigonagai/wp-content/uploads/2019/01/JEEG-ROBOT-Pavesio-unico-livello.jpg

Le tavole, raccolte con il supporto di Creative Comics e di Daniele Statella, comprende lavori di nomi illustri quali Sergio Giardo Vittorio Pavesio ad esempio passando dalle incredibili immagini di copertina di Paolo Barbieri

La lista completa degli autori che hanno partecipato alla mostra, in ordine alfabetico, è la seguente: Stefano Babini, Paolo Barbieri, Michele Benevento, Emanuele Boccanfuso, Riccardo Bogani, Andrea Bormida, Ivan Calcaterra, Fabrizio De Fabritiis, Fabio Detullio, Federica Di Meo, Marta Ferraris, Simone Garizio, James Garofalo, Andrea Gatti, Sergio Giardo, Federica Grego, Valerio Held, Claudio Iemmola, Luca Maresca, Gloria Meluzzi, Andrea Osella, Ivan Passamani, Vittorio Pavesio, Fabio Piacentini, Riccardo Pieruccini, Pasquale Qualano, Luca Raimondo, Nicola Rubin, Michele Rubini, Marco Sarro, Noemi Siino, Enrico Simonato, Claudio Stassi, Daniele Statella, Claudio Stassi, Najla Zago e Melissa Zanella.

 

http://www.immaginaria.eu/amicidigonagai/wp-content/uploads/2019/01/jeeg-statella.ok_-212x300.jpg

http://www.immaginaria.eu/amicidigonagai/wp-content/uploads/2019/01/Cover-Japan-Day-Andrea-Osella.jpg

http://www.immaginaria.eu/amicidigonagai/wp-content/uploads/2019/01/066.jpg

A completamento di questa raccolta di prestigio, una selezione di cel e settei originali dalla serie tv “Il Grande Mazinga” e “Jeeg robot d’Acciaio” dalla collezione privata di Hitomi Watanabe.

TRIBUTE GO! Mostra ultima modifica: 2019-01-09T17:26:13+01:00 da Chiara-san